Inteneritrice per carne

L’inteneritrice per carne, nata dalla collaborazione con Umbra Macchine, è una macchina rivoluzionaria per il settore della macellazione.
Permette di non dover lasciare la carne in frollatura per settimane, ma grazie ad un procedimento brevettato permette di ammorbidire la carne poche ore dopo la macellazione, mantenendo il sapore inalterato. Si evitano così tutti gli inconvenienti dei lunghi passaggi in cella frigorifera. Questa macchina, inoltre, permette di lavorare carne con e senza osso, di animali giovani così come di quelli più vecchi.
La macchina è completamente automatica, è sufficiente inserire il pezzo di carne in un apposito contenitore in acciaio inox refrigerato e chiuderlo ermeticamente col suo coperchio trasparente, premere il pulsante di avvio sul touch screen ed attendere un paio di ore: la carne sarà morbida come dopo 20 giorni in cella frigorifera.

Per informazioni visitare il sito di Umbra Macchine o usare il form qui sotto.

Automazione con Android

Il sistema operativo Android è sempre più diffuso e comincia a delinearsi così la possibilità di realizzare sistemi per automazione industriale ibridi in cui il pannello operatore funziona con software sviluppato per questo OS.

Data la potenza di calcolo disponibile, è possibile implementare tutti i cicli di controllo direttamente nel pannello e realizzare così un unico progetto per interfaccia e gestione.

La comunicazione da e per il macchinario può avvenire mediante Bluetooth, WiFi, USB o porte seriali, dipendentemente dalla loro disponibilità.

Per l’interfacciamento verso dispositivi di potenza e sensori è necessaria solo una scheda elettronica in grado di svolgere le funzionalità di acquisizione, attuazione e comunicazione necessarie e non disponibili direttamente tramite il pannello. Si crea così una soluzione efficiente ed economicamente competitiva in grado di sostenere le più diverse necessità garantendo interfaccia utente totalmente personalizzabile, indicazioni multingua e futuri aggiornamenti.

layoutviewmate

Nel caso di una specifica applicazione per un cliente nel settore alimentare è stata realizzata una scheda basata su dsPIC33 in grado di:

  • comandare 3 carichi in corrente alternata (3 x 230 Vac 1,5 kW) mediante TRIAC (no relé);
  • comandare 3 carichi in corrente continua (3 x 12/24 Vdc 10 A NPN);
  • acquisire 3 ingressi digitali 12/24 Vdc;
  • acquisire temperatura locale mediante termometro su I2C;
  • acquisire temperatura remota mediante termometro su I2C;
  • acquisire la pressione dell’aria in un contenitore (10 – 1000 mBar);
  • comunicare mediante SPP su Bluetooth;
  • comunicare mediante VCOM 115k2,8N1 su USB.

Per maggiori informazioni si prega di inviare richieste mediante questo form.

Rivelatore di colla a microonde

Il Glue Detector è uno strumento di misura elettronico in grado di rivelare e misurare la quantità di colla presente su di un foglio di carta.
Questo dispositivo è utile in tutte le situazione in cui sia necessario avere un feedback, rapido e non invasivo, verso gli erogatori automatici o il controllore di macchina, così da correggere eventuali problemi durante il ciclo di lavorazione.
Sfruttando un segnale RF alle microonde è possibile controllare il processo di incollaggio ed avere la certezza che sia stata applicata la corretta quantità di colla.
Funziona sia con adesivi hotmelt che a freddo e non presenta parti meccaniche sottoposte a movimento ed usura.
E’ essenzialmente composto da due parti: una scheda elettronica di misura ed un elemento sensibile in grado di interagire con la colla. I due sono connessi mediante due cavi coassiali. Può lavorare al buio o in ambienti fortemente illuminati, ed è insensibile alle variazioni di temperatura del prodotto.

Il suo funzionamento è semplice e non influisce sulla qualità del prodotto lavorato: la misurazione avviene senza contatto ed in meno di un millesimo di secondo dall’arrivo del segnale di trigger (generalmente un fronte di salita di un segnale 24 Vdc).

L’informazione in uscita può essere di tipo ON-OFF (presenza – assenza di colla) oppure numerica (invio di stringhe mediante interfaccia RS232).

Non necessità di manutenzione.
Funziona con alimentazione a 12 Vdc o 24 Vdc indifferentemente.
Può essere personalizzato su richiesta del cliente.
Alcuni esempi di installazione su macchinario per lavorazione della carta.

GlueSens1_small
Diapositiva2_small
Diapositiva3_small

Per richiedere maggiori informazioni utilizzare il form qui sotto.

ZCONV485

Un efficace convertitore RS232 – RS485 compatto e semplice da utilizzare.

Si connette direttamente alla porta RS232 mediante il classico connettore SUBD a 9 pin. Da questa ricava anche la corrente necessaria al suo funzionamento.

Dal lato opposto si trovano 6 morsetti con passo 5,08 mm ai quali collegare il cavo per la comunicazione RS485. E’ possibile anche alimentare il convertitore direttamente dal bus applicando una tensione compresa tra 9 e 24 Vdc.

Caratteristiche elettriche RS232:

  • Data Rate up to 120 kpbs
  • ESD +/-15 kV (HBM – Human Body Model)
  • Meets or Exceeds the Requirements of TIA/EIA-232-F and ITU v.28 Standards
  • Max supply current 15 mA

Caratteristiche elettriche RS485:

  • Numero di nodi: 32
  • Low Supply Current, 5 mA Max
  • Meets or Exceeds the Standard Requirements of ANSI RS-485 and ISO 8482:1987(E)
  • Common-Mode Voltage Range of −7 V to 12 V
  • Positive- and Negative-Output Current Limiting
  • Driver Thermal Shutdown Protection

La seguente tabella mostra le piedinature dei due connettori.

RS232
RS485
Function

1
Power Supply 9 – 24 Vdc
2
2
RXD+ / A

3
RXD- / B

4
TXD- / Z
35
TXD+ / Y
5
6
Gnd
4, 7

Power Supply

Maggiori informazion? Utilizza il form qui sotto.

GPIO4431

Questa scheda, basata sul microcontroller PIC18F4431 di Microchip realizza un PLC in miniatura.
Rispetto ad un PLC tradizionale rappresenta una soluzione con un alto rapporto prestazioni/prezzo: il microcontrollore è infatti in grado di acquisire un ingresso ed attuare un’uscita in pochi microsecondi.

La scheda mette a disposizione:

  • 16 ingressi digitali operanti fino a 24 Vdc;
  • 8 uscite digitali di tipo PNP fino a 24 Vdc / 100 mA;
  • su tutti gli ingressi e tutte le uscite sono presenti dei led per indicarne visivamente lo stato;
  • 1 ingresso analogico 0 – 10 Vdc;
  • 1 in ingresso per encoder incrementale in grado di gestire i canali A, B e INDX;
  • 1 porta seriale RS232 per la comunicazione con un dispositivo esterno (terminale, PC, lettore di bar-code etc).

Le dimensioni sono quelle del formato eurocard – 100 x 160 mm.

Il guscio di rivestimento in materiale plastico di colore verde è dotato di aggancio per barra DIN.

Per richiedere maggiori informazioni su questo prodotto fare utilizzare il seguente form.

Controllo freno/frizione con sovralimentazione

Questa scheda elettronica, giunta ormai alla terza generazione, si occupa del controllo dell’alimentazione di gruppi freno/frizione ad azionamento elettromagnetico.
E’ in grado di alimentare continuativamente dispositivi con massimo assorbimento di 2 A @ 24 Vdc e, per una risposta più rapida del sistema meccanico, fornisce una sovralimentazione temporizzata programmabile, tramite porta seriale RS232, da 1 a 255 ms fino a 48 Vdc.

Tutte le funzioni sono governate da un microcontrollore. In questo modo è possibile implementare fuzioni di controllo difficilmente ottenibili con semplici circuiti analogici o basati su reti logiche.

I due canali dedicati al pilotaggio del freno e della frizione sono gestiti in modo indipendente, ovvero i tempi delle sovralimentazioni possono essere impostati di durata differente.

La commutazione avviene pilotando un opportuno ingresso PNP: se in stato LOW viene attivato, ad esempio, il freno, se in stato HIGH la frizione (le uscite possono comunque essere scambiate).

Un ulteriore ingresso viene utilizzato come segnale di ENABLE: collegato alla linea di gesione dell’emergenza della macchina permette di disabilitare tutte le uscite.

Oltre alle due uscite per il comando del gruppo freno/frizione sono presenti altre due uscite PNP (max 50 mA @ 24 Vdc), una delle quali è utilizzata per indicare il cosiddetto segnale di READY.

Il sistema può funzionare anche a 12 Vdc.

Alimentazione:

  • un ingresso per la tensione di 12/24 Vdc ±10% per la logica di comando e freno/frizione a regime;
  • un ingresso per la tensione di 24 ÷ 48 Vdc per la sovralimentazione del gruppo freno/frizione.

5 ingressi PNP:

  • uno viene utilizzato come segnale di abilitazione (READY);
  • uno come comando di attivazione del freno (LOW) e della frizione (HIGH);
  • tre ulteriori ingressi liberi e gestibili da microcontrollore per future applicazioni.

4 Uscite PNP:

  • alimentazione freno 24 VDC/2 A + sovralimentazione (fino a 80 VDC) di durata programmabile;
  • alimentazione frizione 24 VDC/2 A + sovralimentazione (fino a 80 VDC) di durata programmabile;
  • segnale di READY;
  • un’ulteriore uscita libera e gestibile da microcontrollore per future applicazioni.

Porta seriale RS232: principalmente utilizzata per l’impostazione della durata della sovralimentazione (115200,8,N,1).

Frequenza massima di lavoro: dipendente dalla durata della sovralimentazione.

Durata minima impulso di comando: < 1 ms (tipicamente 200 us)

Dimensioni: 9,8 cm x 8,8 cm

Scarica il flyer del prodotto dal link qui a fianco:

Per richiedere maggiori informazioni su questo prodotto utilizzare il seguente form.

MultiControl V.2

Per un nostro cliente decisamente importante è stata realizzata una scheda elettronica basata sul microntrollore dsPIC33FJ256MC710a di Microchip.

MultiControl V.2 con dsPIC33FJ256MC710a

Qui di seguito vengono riassunte le caratteristiche principali, quanto basta per comprendere quali tipologie di sistemi elettronici TSP è in grado di creare su specifica del cliente.

  • microcontrollore dsPIC33FJ256MC710a di microchip
  • 24 ingressi a 24 V
  • 24 uscite PNP a 24 V
  • interfaccia encoder incrementale differenziale
  • CAN bus
  • 2 x RS232
  • RS422/RS485 elettricamente isolata
  • I2C Bus
  • alimentazione 9-30 Vdc
  • dimensioni 188 x 130 mm

Qui di seguito alcuni dettagli relativi al layout del PCB.

Layout della scheda
Complessità della scheda

Per maggiori informazioni utilizzare il seguente form.